Mondo dentisti

“I dentisti sono sicuri, continuare a fornire le cure”

Un dentista e la sua assistente salutano in camera facendo il gesto della vittoria, completamente bardati con i dispositivi di protezione individuali richiesti dalle misure di prevenzione contro la diffusione del covid19

Continuare ad assistere i propri pazienti. Nonostante la seconda ondata di covid19 che sta imperversando sull’Europa. E’ questo l’appello indirizzato ai dentisti del Vecchio Continente dal Council of European Dentists. Una richiesta nata dall’aumento di problemi dentali riscontrato tra le persone e dalla consapevolezza degli alti standard di sicurezza che gli studi odontoiatrici sanno garantire per pazienti, personale sanitario e dentisti stessi.

«Dentisti in prima linea»

«I dentisti europei si sono sempre impegnati a fornire trattamenti orali aggiornati, sicuri e di qualità, oltre a ridurre al minimo i rischi – ha affermato il presidente del CED, il dottor Marco Landi -. Dall’inizio della pandemia, i dentisti sono stati in prima linea, insieme ad altri professionisti sanitari, fornendo cure sicure, e impegnandosi per il benessere dei loro pazienti, e dovrebbero continuare a fornire le normali terapie nonostante le circostanze».

Le parole di Landi ricordano quelle pronunciate pochi giorni fa del presidente nazionale della Commissione Albo Odontoiatri, Raffaele Iandolo, in un’intervista a Odontoiatria 33«Dobbiamo essere estremamente chiari. Anche nei mesi del primo lockdown nessuno ha mai deciso di obbligare gli studi odontoiatrici a chiudere e tanto meno lo è stato fatto perché qualcuno li riteneva non sicuriLe indicazioni date di limitare l’attività alle urgenzerano nate dalla necessità di limitare il più possibile gli spostamenti delle persone e dalla carenza in quel particolare momento di DPI. Oggi la situazione è totalmente diversa, e gli odontoiatri italiani stanno ancora cercando di rimediare ai danni che tre mesi lockdown hanno provocato sulla salute orale dei cittadini. Si deve sottolineare con forza e chiarezza che gli studi odontoiatrici sono sicuri, lo erano prima della pandemia da Covid e lo saranno anche dopo».

Non rimandare le cure dentali a dopo la fine della pandemia

Rimandare le cure dentali a quando la pandemia di Covid19 sarà terminata è una cattiva idea: una situazione attualmente facilmente risolvibile tra qualche mese potrebbe peggiorare. Per non parlare dell’importanza delle visite di controllo e di prevenzione, utilissime per intercettare i problemi sul nascere e mantenere il cavo orale in salute. Come sottolinea il Council of European Dentists, le cure orali, incluse non solo le cure dentali urgenti ed essenziali, ma anche le cure odontoiatriche preventive e conservative, dovrebbero essere considerate cure sanitarie essenziali e non dovrebbero essere posticipate a dopo che la pandemia da Covid-19 sarà risolta.

Amicodentista è aperto

Anche in zona rossa l’attività odontoiatrica ha ricevuto il lasciapassare del governo per continuare ad assistere i propri pazienti. Andare dal dentista, quindi, si può. Basta munirsi di autocertificazione (motivi di salute). Il centro Amicodentista di Caronno Pertusella è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 19.15 e continua a offrire tutti i suoi servizi:

  • Implantologia a carico immediato;
  • Implantologia e protesi su impianti;
  • Protesi fissa su denti naturali;
  • Protesi mobile;
  • Conservativa dell’adulto (es: cura della carie);
  • Conservativa del bambino (es: cura della carie);
  • Pedodonzia (dentista per i bambini);
  • Endodonzia;
  • Parodontologia;
  • Ortodonzia con mascherine trasparenti (apparecchi ortodontici trasparenti);
  • Ortodonzia convenzionale (apparecchi ortodontici classici);
  • Igiene orale professionale (detta comunemente “pulizia dei denti”);
  • Sedazione cosciente.

Per fissare un appuntamento  con un odontoiatra o un igienista dentale di Amicodentista a Caronno Pertusella (VA) puoi visitare il nostro sito o chiamare il numero verde 800088315, il numero di studio 0296451075 o dalla Svizzera lo 0793080575.

Amicodentista

Tag