Mondo dentisti

Zona rossa: andare dal dentista si può

Una igienista dentale di Amicodentista sorride sotto tutti i dispositivi di protezione individuale necessari per la prevenzione della diffusione del covid 19: visiera, mascherine, camici, guanti etc

Con il nuovo DPCM del 3 novembre 2020 l’Italia è stata suddivisa in tre colori. Non i classici verde, bianco e rosso della nostra bandiera, ma giallo, arancio e rosso per zone di rischio. Il lockdown è scattato dalla mezzanotte di venerdì 6 novembre per Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Calabria. Nonostante le restrizioni dettate dal governo per la prevenzione della diffusione del Covid19, gli studi dentistici sono tra le attività che hanno avuto il lasciapassare per rimanere aperte. Anche in zona rossa. Amicodentista, quindi, è pienamente operativo dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 19:15.

Andare dal dentista in zona rossa: cosa cambia per il paziente?

Il cambiamento maggiore per il paziente che si deve recare dal dentista, in zona rossa, sarà quello di avere con sé l’autocertificazione che spieghi il perché dell’uscita da casa. Sul documento, reperibile sul sito del Ministero dell’Interno, sarà necessario spuntare, tra le cause dello spostamento, quello legato a motivi di salute e indicare la destinazione (nel caso di Amicodentista: “via Lura 37 – Caronno Pertusella”). Nessun problema per i pazienti che arrivano da fuori Caronno: i motivi di salute permettono di uscire dai confini del proprio Comune di residenza e di attraversare altri paesi per raggiungere il proprio centro di cura.

Così come già accadeva dai primi mesi della pandemia legata al Sars-Cov-2, sicurezza rimane la parola d’ordine. Il paziente dovrà prendere appuntamento telefonicamente (numero verde 800088315, numero di studio 0296451075 o dalla Svizzera 0793080575). Al telefono il personale di accoglienza eseguirà un attento triage telefonico. Se tutto dovesse risultare negativo, verrà fissata la data per la visita. Rimangono vigenti le precedenti misure di prevenzione: misurare la temperatura all’ingresso, indossare la mascherina, sanificare le mani e indossare al piano clinico i copriscarpe. Per avere il giusto distanziamento, in sala d’attesa abbiamo installato divisori in plexiglass.

Quali servizi rimangono attivi dal dentista?

Da Amicodentista tutti i servizi rimangono attivi:

  • Implantologia a carico immediato;
  • Implantologia e protesi su impianti;
  • Protesi fissa su denti naturali;
  • Protesi mobile;
  • Conservativa dell’adulto (es: cura della carie);
  • Conservativa del bambino (es: cura della carie);
  • Pedodonzia (dentista per i bambini);
  • Endodonzia;
  • Parodontologia;
  • Ortodonzia con mascherine trasparenti (apparecchi ortodontici trasparenti);
  • Ortodonzia convenzionale (apparecchi ortodontici classici);
  • Igiene orale professionale (detta comunemente “pulizia dei denti”);
  • Sedazione cosciente.

Le misure di sicurezza nello studio odontoiatrico

Negli studi dentistici italiani vigono le indicazioni ministeriali predisposte da Ordine, Professione, Università e Ministero della Salute. Queste linee guida sono state valiate anche dal Comitato Tecnico Scientifico. Una dimostrazione della loro validità arriva anche da un report INAIL: in Italia non c’è stato nessun caso di contagio da coronavirus denunciato tra le assistenti degli studi odontoiatrici. Come sottolinea l’Associazione Nazionale Dentisti Italiani, «ciò [sta] a ulteriore testimonianza della grande attenzione che da sempre gli Odontoiatri italiani pongono alla prevenzione del rischio biologico». Si sottolinea, tuttavia, come si tratti di dati parziali, non essendo calcolate categorie potenzialmente a rischio di contagio ma non soggette a tutela INAIL tra cui gli odontoiatri liberi professionisti.

«Dobbiamo essere estremamente chiari. Anche nei mesi del primo lockdown nessuno ha mai deciso di obbligare gli studi odontoiatrici a chiudere e tanto meno lo è stato fatto perché qualcuno li riteneva non sicuri – afferma con forza il presidente nazionale della Commissione Albo Odontoiatri, Raffaele Iandolo, in un’intervista a Odontoiatria 33 -. Le indicazioni date di limitare l’attività alle urgenze erano nate dalla necessità di limitare il più possibile gli spostamenti delle persone e dalla carenza in quel particolare momento di DPI. Oggi la situazione è totalmente diversa, e gli odontoiatri italiani stanno ancora cercando di rimediare ai danni che tre mesi lockdown hanno provocato sulla salute orale dei cittadini. Si deve sottolineare con forza e chiarezza che gli studi odontoiatrici sono sicuri, lo erano prima della pandemia da Covid e lo saranno anche dopo».

Per fissare un appuntamento  con un odontoiatra o un igienista dentale di Amicodentista a Caronno Pertusella (VA) puoi visitare il nostro sito o chiamare il numero verde 800088315, il numero di studio 0296451075 o dalla Svizzera lo 0793080575.

Amicodentista