Podologia

Come scegliere le scarpe più adatte per le vacanze: i consigli della podologa

Foto di Dương Nhân da Pexels

Lunghe passeggiate sulla spiaggia, camminate alla scoperta delle città d’arte, trekking in montagna. L’estate è la stagione che aiuta a riscoprire la voglia di muoversi e fare attività sportiva. Non a caso è proprio il periodo dell’anno in cui si registra una maggior frequenza di traumi alle dita e alle unghie dei piedi. Come evitarli? Facendo attenzione alle proprie calzature, scegliendo le più adatte per ogni occasione.

Quali scarpe scegliere se si va in montagna

Se andate in montagna le scarpe che si indossano sono fondamentali perché possono impedire la formazione di vesciche, sostenere la caviglia, proteggere il piede dai sassi o dall’acqua. Quali sono le caratteristiche che non possono mancare?

  • La dimensione della calzata deve essere adeguata a quella del proprio piede: no a scarpe di una misura sbagliata;
  • La larghezza del ventaglio metatarsale deve essere tale da permettere un buon movimento delle dita, che non devono essere estremamente ravvicinate. Calzature non idonee, inoltre, aumentano la formazione di callosità e di conseguenza il dolore avvertito.

Come controllare che non ci siano danni ai piedi dopo un trekking

Una passeggiata in montagna, tra i boschi, le valli e i laghi alpini è un momento molto rilassante per la nostra mente. Ma per i nostri piedi, invece, può essere causa di stress. Una buona abitudine è quella di ispezionarli una volta ritornati dall’escursione:

  • Controllare le condizioni delle unghie (esposte a rischio specialmente nelle discese),
  • Verificare la presenza di eventuali traumi tra gli spazi interdigitali;
  • Controllare la pianta del piede.

Si tratta di passaggi semplici, ma non scontati. E che possono dare una grande mano nell’evitare disagi e fastidi che possono protrarsi anche a lungo. In particolare, si possono verificare ematomi subungueali, avulsione (distacco) della lamina dell’unghia e onicodistrofia post traumatica (l’unghia, frequentemente quella dell’alluce, presenta un cambiamento della normale forma della lamina ungueale). 

Quali scarpe scegliere per andare al mare

Se si è diretti verso una località di mare, in valigia non possono mancare calzature per andare in spiaggia o godersi un pomeriggio tra le onde e gli scogli. Nella scelta delle scarpe o delle ciabatte, però, attenzione a non incorrere nell’errore comune di pensare solamente all’estetica o al look. L’uso di una calzatura non adatta, infatti, può comportare problemi ai piedi, alle unghie o dolori.

Quali sono le scarpe perfette per il mare? E quali sono quelle assolutamente da evitare?

  • Scarpine da scoglio: sono le migliori alleate dei piedi quando la meta della vacanza è una località marittima con una costa ricca di scogli e un fondale roccioso. Questo tipo di calzatura da mare, infatti, permette di mettersi al riparo da tagli, cadute o scottature.
  • Ciabatte, infradito, sandali o flip flop: tanto possono essere pericolosi gli scogli, tanto può esserlo anche la sabbia. Quando il sole arroventa la spiaggia, infatti, la temperatura raggiunta dai granelli di sabbia può essere molto alta e dare fastidio. La sabbia molto calda, inoltre, può creare problematiche, soprattutto tra i pazienti diabetici con neuropatia che hanno un’alterazione della sensibilità. Per questo è bene proteggersi con delle calzature come ciabatte, infradito, sandali o flip flop.
  • Infradito: nonostante siano molto popolari, non sono tra le calzature più adatte per i piedi. Soprattutto se indossate a lungo, su un terreno irregolare o per fare attività fisica o una passeggiata. L’utilizzo ideale delle classiche flip flop è quello dei brevi tratti verso la piscina o verso la spiaggia. 

Giornata in piscina? Attenzione ai piedi

Se per rilassarvi, invece, scegliete una giornata a bordo piscina tra tuffi e lettini, non dimenticatevi di pensare al benessere dei vostri piedi:

  • attenzione alle infezioni funginee e alle verruche evitando il contatto con le superfici comuni intorno alle vasche o in doccia attraverso l’uso di calzini da piscina, scarpette o ciabatte.
  • Con l’estate alcuni luoghi pubblici, come le piscine o le docce pubbliche, possono nascondere delle insidie, che unite ad un abbassamento delle difese immunitarie stressate dal lungo inverno portano le micosi.

Dunque per la scelta della calzatura è bene tenere in considerazione non solo l’estetica, ma anche il suo utilizzo.

Dott.ssa Giulia Valli
Podologa