Salute a 360°

Coronavirus, cosa mangiare a casa?

La salute passa anche da quello che mangiamo. Ce lo ricorda anche il Ministero della Salute, che in questi giorni ha pubblicato una guida su cosa mangiare ai tempi dell’isolamento per l’emergenza sanitaria del coronavirus. Si tratta di consigli redatti direttamente dalla Società italiana di nutrizione umana.

Se, infatti, non esistono diete miracolose contro le infezioni virali, come ricordano da Roma «seguire uno stile di vita alimentare corretto aiuta a facilitare il processo di guarigione e in tempi come questi, di smart working e mobilità ridotta tra le mura di casa, a evitare di mettere su chili di troppo».

Le regole d’oro per l’alimentazione ai tempi dell’isolamento da coronavirus

1. Portare in tavola solo quello che si è deciso di mangiare, una porzione “giusta” di ogni portata, senza aggiungere altro, ridurre il consumo di bevande zuccherate e di altri prodotti ricchi di zuccheri ed evitare l’abuso di sale e di condimenti ricchi di grassi.

2. Consumare almeno 5 porzioni al giorno di frutta e verdura, fonti di minerali e vitamine (particolarmente vitamina C e vitamina A) utili a rafforzare le difese immunitarie e la protezione delle vie respiratorie.

3. Sforzarsi di mantenere una regolare (anche se limitata) attività motoria, come può essere quella con cyclette, tapis roulant o ginnastica a corpo libero 1 o 2 volte al giorno e cercare, se possibile, di esporre ogni giorno braccia e gambe al Sole per 15-30 minuti per favorire la sintesi endogena di vitamina D.

4. Dedicare maggiore attenzione e un po’ più di tempo alla preparazione di cibi più salutari e più gustosi, nel rispetto delle tradizioni mediterranee.

5. Non assaggiare durante la preparazione dei piatti e non mangiare mai in piedi e frettolosamente, ma apparecchiare ogni volta la tavola: dedicare tempo alla convivialità nei pasti perchè momento di aggregazione con la famiglia e di utilità per incoraggiare i ragazzi ad avere ogni giorno un’alimentazione varia, ricca di frutta, verdura e legumi fornendo il buon esempio.

6. Fare in modo che i bambini aiutino nella preparazione del cibo: in questo modo si eviteranno la noia e i capricci.