Interviste

Come riprendere l’attività fisica dopo il lockdown?

Foto: Pixabay

Riprendere l’attività fisica dopo il lockdown è importante, ma non si può pensare di ripartire esattamente da dove si era lasciato. Gradualità è la parole d’ordine dopo un periodo di decondizionamento fisico. Per questo la ripresa dell’attività sportiva si deve attenere a poche, semplici regole per prevenire le patologie legate all’over-use come tendinopatie, infortuni muscolari, lesioni di strutture articolari.

Gradualità

La sedentarietà ha sicuramente determinato un indebolimento di tutto il sistema muscolo-scheletrico. Ciò significa che il fisico non è pronto ad affrontare i carichi pre-quarantena. E’ perciò necessario abbassare di un 40 – 60% i carichi di allenamento. Se ciò non comporta problemi fisici e la fatica muscolare o aerobica lo permette, si può aumentare di settimna in settimana il 10% del carico (per i meno allenati l’incremento deve avvenire con una gradualità maggiore, per esempio aumentando del 10% ogni due settimane).

Alternanza della tipologia di allenamento

Anche nel caso di attività fisica aerobica come corsa, camminata veloce o bicicletta è sempre necessaria un’alternanza con allenamenti di sviluppo della forza. Non si ha solo bisogno di migliorare la propria performance cardio-vascolare, ma anche  degli esercizi per lo sviluppo della forza prevengono gli infortuni a livello del sistema muscolo – scheletrico e ne migliorano l’efficienza.

Adattamenti

Vanno predilette le superfici meno usuranti (ad esempio, prediligere la corsa sull’erba piuttosto che sul cemento). Ricordare sempre che la salita, anche se più faticosa, è molto meno usurante della discesa. Per cui presta attenzione al controllo del movimento durante quest’ultima fase. Nel caso degli allenamenti in palestra va prediletta sempre la tecnica di esecuzione a carico basso. Preferire piuttosto l’aumento del numero di ripetizioni, soprattutto in fase di ripresa dell’attività.

Il benessere è dato da più fattori

Anche la cura dell’alimentazione ed un sonno quantitativamente e qualitativamente soddisfacenti sono fondamentali nella ripresa dell’attività fisica. Essi hanno la peculiarità di rendere il nostro fisico maggiormente performante e quindi meno soggetto ad infortuni.

Dottor Cristiano Zanini
Fisioterapista