Cura dei denti

Devitalizzazione: l’operazione indolore che ancora spaventa i pazienti

devitalizzazione-strumenti

La polpa dentale è un tessuto ricco di terminazioni nervose e vasi sanguigni. Quando viene attaccata da un’infezione batterica, si avverte un dolore lancinante e insopportabile. In questo caso è quasi inevitabile ricorrere alla devitalizzazione del dente, una soluzione meno drastica rispetto all’estrazione.

In cosa consiste e quali sono i vantaggi della devitalizzazione

La devitalizzazione del dente è un’operazione invasiva che prevede l’asportazione della polpa dentale. È un trattamento pressoché indolore, fatto in anestesia locale, attraverso l’utilizzo di apposite lime con cui lo specialista svuota il dente dei nervi e dei vasi sanguigni, prima di sigillarlo con una resina naturale. Così è possibile eliminare l’infezione e salvare il dente, evitando di ricorrere all’estrazione.

Quando serve devitalizzare un dente

La polpa va rimossa quando carie e infezioni ne hanno compromesso la salute. Se si avvertono dolori, ipersensibilità o fastidi durante la masticazione è opportuno prendere subito appuntamento dal dentista per verificare se questi siano sintomi di un processo carioso avanzato o di un’infezione. Prima che degenerino, e prima che l’estrazione – quindi la perdita del dente – sia l’unica e ultima soluzione rimasta, occorre devitalizzare. Non si può rimandare quando:

  • una carie estesa ha infettato un nervo, con rischio di granuloma, ascesso e cisti
  • il dente è affetto da pulpite, una patologia raramente reversibile
  • il dente è in necrosi e sta morendo; in questi casi appare più scuro, solitamente tendente al grigio
  • il dente è rotto e la polpa è irrimediabilmente esposta all’attacco batterico

Quanto dura e come funziona?

Devitalizzare un dente implica almeno una o due sedute ambulatoriali. L’endodontista, specialista nella cura della polpa del dente, procede attraverso:

  • anestesia locale e foratura della corona del dente tramite lima canalare
  • rimozione della polpa infetta e dei residui batterici
  • sostituzione della polpa con guttaperca, una resina naturale, e cemento adesivo
  • ricostruzione del dente ed eventuale incapsulazione

Le principali domande che vengono rivolte ai dentisti

La devitalizzazione fa male?

I progressi delle tecniche chirurgiche hanno fatto della devitalizzazione una pratica indolore che non comporta particolari rischi; per i dentisti è un intervento di routine. Eppure richiede massima precisione: la disinfezione, la pulizia e la chiusura del dente vanno fatte a regola d’arte per evitare la proliferazione di nuovi batteri e l’insorgere di complicanze, come la formazione di un granuloma.

Quanto dura il dolore dopo la devitalizzazione?

Il fastidio sopraggiunge una volta terminato l’effetto anestetico. Se c’era una grossa infiammazione è normale sentire ancora il dente devitalizzato che ‘pulsa’, classico sintomo della pulpite, ma con adeguati farmaci analgesici i dolori sono destinati a svanire nel giro di pochi giorni. Per due o tre settimane dopo l’intervento il dente può essere più fragile e sensibile agli sbalzi termici: meglio evitare cibi croccanti o alimenti zuccherosi e collosi, come il miele. Se invece i fastidi persistono bisogna effettuare ulteriori accertamenti per verificare la salute dei denti vicini.

Il dente devitalizzato si è rotto, che fare?

Il dente può stare al suo posto anche senza polpa; soltanto, diventa più fragile e più soggetto a traumi. In caso di frattura bisogna consultare subito il dentista. Se la struttura del dente non è compromessa, lo specialista potrà conservarlo e aggiustare la situazione tramite capsula; in caso contrario, procederà tramite rimozione del dente e installazione di un impianto.

Quanto costa l’intervento?

Il costo della devitalizzazione è variabile, dipende dalla gravità della patologia e dallo stato di salute complessivo del dente e dei tessuti che lo circondano. Generalmente oscilla tra i 100 e i 350 euro. È comunque bene scegliere non soltanto in base al portafogli ma valutando la qualità che i migliori specialisti e network di dentisti possono garantire.

Quanto dura un dente devitalizzato?

Se il dente è stato curato a regola d’arte, con una perfetta pulizia e ricostruzione, e soprattutto se all’intervento seguono una scrupolosa igiene orale e controlli periodici dal dentista, potrà durare per una quindicina d’anni.

Il dente sarà nero o scuro?

Non più, perché sono stati ‘banditi’ quei materiali di riempimento, quali amalgama d’argento e cementi a base di formaldeide, che contribuivano a danneggiare l’estetica del dente devitalizzato, rendendolo più scuro. Oggi, l’uso di perni in fibra di silice o ceramica e di materiali compositi conferisce al dente un aspetto naturale.

Si possono devitalizzare i denti da latte?

Molte mamme pensano sia meglio estrarlo, ma non è così. La permuta dei denti da latte deve essere un fenomeno naturale: è importante preservare la funzione psico-sociale che il dente ha per il bambino e conservare lo spazio per il dente permanente che arriverà. La devitalizzazione, inoltre, consente di rimuovere l’infezione senza lasciare la camera pulpare aperta.


Per saperne di più puoi visitare il nostro sito e richiedere l’intervento di uno specialista in una delle oltre 30 sedi Amicodentista presenti in tutta Italia.

Amicodentista

amicodentista
Pazienti, non Clienti

Amicodentista è l’innovazione in campo odontoiatrico, è il raggiungimento della soddisfazione di ogni Paziente con servizi eccellenti a prezzi giusti. La chiarezza, l’onestà e l’etica corretta sono solo alcuni degli aspetti che ci contraddistinguono, accompagnati dalla forte propensione all’innovazione che sosteniamo da sempre.

Scopri di più »